Incentivare la rottamazione non è la strada per la transizione verso la mobilità elettrica

Articolo a cura di Alberto Trentadue È evidente come tutti i settori produttivi, anche se con velocità e risposte diverse, stiano recependo una realtà: i combustibili fossili non possono essere più fonte di energia per il futuro ed è necessario avviarsi verso un sistema che li abbandoni completamente.
Questo non solamente per gli effetti dannosi della combustione e della produzione di CO2 in termini di innalzamento della temperatura globale e peggioramento della qualità dell’aria (motivi già da soli importantissimi), ma anche per la coscienza che le riserve petrolifere sono risorse finite e in via di esaurimento e quindi, per definizione, non sostenibili. In tutto questo, anche la mobilità si avvia verso un cambiamento, essendo ormai sempre più chiaro come essa sia tra i principali responsabili dell’inquinamento atmosferico e dei cambiamenti climatici (https://es.greenpeace.org/es/wp-content/uploads/sites/3/2019/09/gp_cleanairnow_carindustryreport_full_v5_0919_72ppi_0.pdf ). I principali produttori di petrolio si stanno muovendo per posizionarsi nel mercato della distribuzione dell’energia elettrica per la mobilità, mentre le principali case costruttrici di automobili, alcune timidamente, altre con più intensità, cominciano ad offrire sempre più modelli full-electric. Nell’economia di questa transizione, il prezzo dell’auto elettrica nuova costituisce ancora una barriera importante per la diffusione di massa. Non a caso noi di iaiaGi abbiamo dato al nostro kit di conversione un obiettivo di prezzo che favorisca la mobilità elettrica proprio attraverso l’accessibilità economica. Osserviamo però, sui principali media, come il messaggio pubblicitario del sistema produttivo automotive dominante punti principalmente alla sostituzione del vecchio con il nuovo elettrico. Pur con rammarico, non ci meravigliamo di questo, dato che la grande industria dell’auto è saldamente ancorata ad un modello economico basato sulla crescita infinita. È ancora più preoccupante però notare come anche la politica incentivi economicamente la sostituzione con relativa rottamazione, come metodo per favorire la transizione.  È recente, ad esempio, la decisione della Regione Lombardia di erogare contributi economici per l’acquisto di auto elettriche (https://www.alvolante.it/news/incentivi-auto-lombardia-fino-8000-euro-364434 ), imponendo che “venga rottamata o radiata una vecchia auto”. Proponiamo in questo articolo le motivazioni per cui, a nostro avviso, questo approccio non sia quello giusto per raggiungere gli obiettivi di sostenibilità: 1. Il costo energetico ed ambientale dello smaltimento dell’auto vecchia, sommato a quello della produzione dell’auto nuova, costituisce un elemento che vanifica gran parte dei potenziali vantaggi dell’introduzione dell’auto elettrica. 2. Laddove l’auto radiata sia esportata all’estero – circostanza questa molto frequente, se non la più frequente – magari verso paesi poveri o con minore attenzione agli standard di emissione, si ottiene il solo effetto di spostare le emissioni nocive e l’utilizzo di combustibili fossili da un punto all’altro del Pianeta. L’esportazione non migliora quindi la situazione globale, restando conveniente (per pochi) solo dal punto di vista economico e solo in una logica di breve termine. 3. Limiti temporali dello strumento: l’incentivazione alla sostituzione, attraverso contributi pubblici è chiaramente un’operazione di durata limitata, in considerazione delle limitate risorse economiche pubbliche. Alla fine di questa iniziativa il risultato sarà avere più autoveicoli circolanti, anche se elettrici, ed un modello economico e sociale praticamente immutato, che continuerà ad avere comportamenti insostenibili ed impattanti. 4. Premiare un sistema non virtuoso: dal punto di vista politico – intendendo per politica la funzione di governare rettamente i processi sociali – l’utilizzo dei soldi pubblici in incentivi alla sostituzione dei veicoli vecchi coi nuovi, finisce per premiare proprio quel sistema che ha introdotto gli effetti dannosi ed insostenibili della mobilità, quasi ad incoraggiare a continuare su questa strada. Non premia invece un’economia locale e diffusa che sarebbe invece in grado riqualificare i mezzi esistenti applicando tecnologie innovative. Il bilancio costi/benefici di uno strumento di incentivazione deve essere valutato su tutte le implicazioni dei suoi effetti e sempre considerandoli sulla totalità del Pianeta: i costi economici di scelte sbagliate si pagano, prima o poi, sotto forma di danni ambientali e territoriali, inefficienze diffuse e maggiore spesa sanitaria. A nostro parere, gli strumenti giusti da favorire nella gestione sostenibile della mobilità sono: 1. La riqualificazione energetica: un veicolo inquinante trasformato in un veicolo elettrico efficiente azzera le emissioni del veicolo precedente e quelle del suo smaltimento evitato. 2. La circolarità: la conversione in elettrico delle auto è in grado di integrarsi in un sistema economico che valorizza, riusa o ricicla le parti estratte dal veicolo originario, minimizzando la produzione di emissioni e scarti dannosi per l’ambiente. 3. La produttività locale: la riqualificazione energetica e il riuso delle risorse sono anche strumenti di valorizzazione delle competenze e capacità produttive del territorio. Un ecosistema di officine ed imprese per la valorizzazione dei materiali riusabili ha il duplice vantaggio di ridurre gli impatti del sistema di produzione globale e di produrre valore e lavoro che sostengano il sistema stesso. 4. La modifica dei comportamenti: la transizione della mobilità non può essere solo sostituzione del mezzo, ma piuttosto l’attuazione di una politica che modifichi le abitudini dei cittadini e faciliti la riduzione del trasporto individuale. Alcuni esempi: potenziare e rendere più efficiente, e quindi preferibile, la mobilità collettiva, incrementando il numero di mezzi pubblici a zero emissioni; limitare la circolazione delle autovetture individuali; incentivare l’uso del treno per gli spostamenti di medio e lungo raggio; incentivare lo smart working e la fruizione dei servizi pubblici senza necessità di spostamento. Noi di iaiaGi, nella proposizione di valore del kit di conversione, siamo partiti dal voler affrontare ed aiutare a risolvere i problemi ambientali e territoriali utilizzando strumenti che producano effetti globalmente positivi e crediamo che, con la giusta volontà e consapevolezza, si possano progettare economie e scelte politiche con il nostro stesso approccio.