La cinese Shanghai Energy prevede un massiccio aumento della produzione di separatori di batterie

English mother tongue, please, click here.


Le batterie costituiscono l’elemento fondamentale per lo sviluppo delle automobili elettriche quindi è normale aspettarsi un certo fermento fra i produttori di celle al Litio. Insistiamo pertanto su questo argomento proponendovi un altro interessante articolo estratto sempre da CHARGED – Electric Vehicles Magazine, nel quale l’azienda cinese Shangai Energy dichiara il suo impegno futuro nel garantire l’aumento della produzione di celle al Litio.

La cinese Shanghai Energy prevede un massiccio aumento della produzione di separatori di batterie

Pubblicato il 24 maggio 2018 da Charles Morris ed archiviato sotto Newswire, The Tech.

La Cina si sta decisamente affermando come uno dei principali produttori di batterie agli ioni di Litio. Ne è un indice l’enorme crescita della produzione di separatori con processo produttivo a liquido (i separatori sono un componente fondamentale delle batterie agli ioni di Litio e servono ad evitare che anodo e catodo si tocchino mentre lasciano che gli ioni li attraversino).

Shanghai Energy ha dichiarato che aprirà un nuovo impianto di grandi dimensioni per la produzione di separatori con processo produttivo a liquido nella città di Wuxi, il cui costo si aggirerà attorno ai 789 milioni di dollari. Secondo quanto specificato questo impianto consentirà a Shangai Energy di diventare il più grande produttore di separatori con processo produttivo a liquido del mondo.

Essenzialmente sono due i metodi principali di produzione dei separatori. Il primo è un processo a secco che consiste nell’ottenere i separatori da polipropilene o polietilene estruso in fogli. I fogli vengono poi ricotti e tesi rapidamente per raggiungere la struttura cristallina e la porosità desiderate. Si stima che nel 2016 l’azienda cinese Shenzhen Senior Technology Material abbia prodotto 120 milioni di metri quadrati di separatori con processo produttivo a secco.

Il secondo metodo di fabbricazione dei separatori è un processo a liquido che consiste nell’estrusione ad alta temperatura di un polimero misto ad un elemento plastificante. La porosità ottenibile con questo metodo è di circa il 40%-50%, cioè più elevata della porosità dei separatori ottenuti col processo produttivo a secco. Nel 2016 Shanghai Energy ha venduto circa 100 milioni di metri quadrati di materiali separatori ottenuti con processo produttivo a liquido.

Nonostante oggi il maggiore volume produttivo dei separatori sia con processo a secco, CCM, un’azienda cinese di previsioni in ambito tecnico-economico, ha previsto che in Cina la produzione vedrà un complessivo spostamento verso il processo produttivo a liquido. I separatori con processo produttivo a liquido venduti da Shanghai Energy hanno già ottenuto l’attenzione di clienti come LG, BYD e CATL. L’attuale capacità produttiva di Shanghai Energy si aggira attorno ai 320 milioni di metri quadrati all’anno.

 

Fonte CCM attraverso Green Car Congress