Progetto definito, si parte

Il tanto tempo passato dall’ultima pubblicazione sul blog, non è certo stato un periodo inattivo. Tutt’altro!
Dopo aver avviato ufficialmente il progetto nello scorso luglio, con una chiara definizione dell’obiettivo e dell’approccio tecnico, siamo entrati in quella fase in cui si deve pianificare l’azione, cioè decidere come l’impresa, il suo design, le soluzioni tecniche e il suo sviluppo temporale saranno gestiti.


Un sommario tangibile di questo lavoro di definizione lo si può vedere nel Wiki di questo sito. Il Wiki è in inglese, in accordo con la nostra decisione di produrre tutta la documentazione di progetto in inglese.
I principali strumenti di definizione sono:

  • I Project Identification Diagrams: questi diagrammi identificano le fasi e i sottoprogetti principali che compongono il progetto iaiaGi complessivo. Dovrebbero descrivere l’estensione della nostra ricerca e del nostro sforzo di pianificazione.
    Dovrebbero anche aiutare a valutare le priorità. iaiaGi sarà più di un semplice esperimento DIY: noi vogliamo proporre un approccio alla portata di tutti per produrre mobilità in un modello ecosostenibile orientato al riuso.
    Non sarà una cosa semplice: quando si ha a che fare con la complessità, è imperativo decomporre il progetto in fasi.

    • Fase di concetto: ha come obiettivo realizzare la conversione di un’automobile standard a combustione interna (ICE) in un’automobile elettrica (EV), per affrontare i problem principali, acquisire un’esperienza valida e raggiungere qualcosa da mostrare per creare consenso e supporto.
    • Fase pilota: sviluppa un processo di conversione standard dell’automobile ICE verso la realizzazione del primo esempio di un’automobile elettrica convertita riproducibile.
    • Fase del kit: la realizzazione che è l’obiettivo finale del progetto, ovvero un kit ed una metodologia completamente ingegnerizzati e standardizzati per la conversione da ICE a EV.
  • Il Work Breakdown: a differenza del precedente, questo diagramma decompone il progetto nell’area delle competenze. La realizzazione di iaiaGi richiede un lavoro di squadra, con diverse aree di esperienza e competenze specifiche.
    Abbiamo bisgono di competenze tecniche (integrazione del power train, gestione dell’energia, meccanica dei veicoli), ma anche competenze amministrative e gestionali. Una chiara definizione delle aree di competenze aiuta a sviluppare e a coordinare il team. Tuttavia il team sarà uno, non ci saranno compartimenti e l’esperienza di uno diventerà l’esperienza di tutti.

Ma il tempo non è stato solo usato per pianificare. Abbiamo effettivamente iniziato a lavorare. Secondo il piano delle fasi, la nostra urgenza primaria è quella di raggiungere la prima conversion ICE-EV per un’auovettura usata nel più breve tempo possibile.
I primi passi in questa direzione includono:

  • Identificare il veicolo da convertire
  • Valutare le sue caratteristiche meccaniche ed i parametri chiave
  • Capire come procurarcene uno – ovviamente nella maniera più economica, per acquisire un veicolo usato in buone condizioni di apparenza e meccaniche.

La lista delle 10 automobili candidate è nel wiki. Il veicolo candidato finale lo dobbiamo ancora scegliere.
Quando il veicolo sarà identificato, saremo in grado di valutare le specifiche tecniche del powertrain di cui avremo bisogno.

Ultima informazione, ma non meno importante, un nuovo collaboratore si è unito al gruppo di sviluppo di iaiaGi. Il nostro benvenuto va ad Alberto che ci aiuterà con le sue elevate competenze nel settore del project management.

Leave a Reply